martedì 12 dicembre 2017

LETTERA APERTA DI GIUSEPPE MATTIA



Apprendo, con nessuna sorpresa,  la decisione del Sindaco di revocare le deleghe a me affidate durante il suo mandato.
 Leggo, sorridendo,  fra le motivazioni che la decisione di andare via da questa amministrazione doveva essere consumata da me tempo prima.
 È vero!!!!!!!!
Tale decisione è stata ritardata dal senso di responsabilità dovuto alla necessità  di  completare il percorso delle stabilizzazioni del personale precario. Atto che sicuramente non sarebbe stato in grado di portare a compimento il Sindaco a causa delle sue notorie debolezze ed indecisioni. 
Infatti, ho dovuto  accompagnare e  vigilare l’iter procedurale, mai facile e lineare, dove spesso si sono fatti  passi avanti e di volta in volta emergevano  ulteriori problemi.
In realtà in tutto questo tempo anziché lavorare per trovare la soluzione alle stabilizzazioni, qualcuno si dedicava a creare ulteriori  problemi,  invece di risolverli.
 Nel passato, le altre delibere che hanno permesso la stabilizzazione di ben 36 precari, pur avendo  criticità si è riuscite a superarle  con un’attenta  interpretazione delle norme. In queste ultimo atto amministrativo con il  contributo fondamentale del Segretario Comunale,  Dottore Puglisi, ogni dubbio è stato fugato.
Eppure inspiegabilmente (non tanto),  si è tentato di rallentare quest’ultimo atto che al di la dei proclami giornalistici (che hanno descritto una realtà totalmente distorta, vissuta personalmente dagli stessi precari) è stato sofferto e difficile, con diversi tentativi di rinvio da parte di  chi guida questa Giunta.
Addirittura, si è tentato di rinviare a fine anno, l’ adozione  della Delibera di tutti i precari  o peggio chiedere un parere legale alla Regione che avrebbe affossato sicuramente l’atto amministrativo (tutto questo facilmente dimostrabile per il gran numero di precari che assistevano sotto i loro occhi di chi tentava scompostamente di nascondere l’evidenza!).


3
 A tutto questo mi sono opposto fermante pretendendo l’adozione immediata della Delibera, nonostante i mal di pancia del Sindaco!
Non è stato facile la convivenza con questo Sindaco, a tratti debole ed indeciso o istintivo ed autoritario.
Solo il senso di responsabilità di portare a termine progetti importanti, che hanno portato tanti benefici alla città, mi hanno dato la convinzione  e la forza di andare avanti.
Spesso,  la mia posizione su temi importanti,  come la gestione dell’acqua e l’adesione al Libero Consorzio di Catania, è stata di totale contrasto con quella del Sindaco.
Con Acqua Enna, durante questo mandato a causa della mia posizione forte nei confronti del gestore (spesso non condivisa dal Sindaco), si sono aperti contrasti e contenziosi, che hanno portato a conquiste che il Comune di Piazza Armerina non è mai riuscito ad ottenere.
Certamente, è stata la mia presenza e quella del mio gruppo politico  a cui faccio riferimento,  che ha determinato questa posizione rigida nei confronti di Acqua Enna, che spesso ha messo a nudo le debolezze del Sindaco incapace di porsi in maniera forte nei confronti di questo Ente.
Anche sull’adesione al libero consorzio di Catania, si è aperto un aspro dibattito in Giunta, dove io e il mio gruppo politico sponsorizzavamo e sostenevamo apertamente il referendum.
La nostra scelta   strideva chiaramente con la posizione del Sindaco,  il quale al solito soffocato dalle indecisioni e dalle paure, subiva le pressioni dei tradizionali referenti politici.

Tutto questo ha determinato fin da allora forti frizioni,  che avrebbero  più volte causato  l’uscita da questa  Amministrazione.
Oggi, a fine mandato, momento in cui  si dovrebbero accelerare, concludere e perfezionare gli atti amministrativi, invece si nota in maniera chiara la volontà di chi guida questa giunta di rallentare ogni azione facendo pesare il proprio ruolo.
2
Il tutto,  strategicamente organizzato,  per garantirsi il peso politico tutto finalizzato alla ricandidatura a Sindaco che da più parti gli viene sconsigliata.
Infatti,  chi è debole ed incapace di prendere decisioni si sta trasformando in un piccolo despota  autoritario ma non autorevole.
Aggiungo che per essere un piccolo despota servono comunque delle capacità.
Infatti, in questo percorso, atti importanti  come la stabilizzazione,  sono stati consumati, purtroppo solo per la mai determinazione , del mio gruppo a cui faccio riferimento  e di tutti coloro chi ci hanno creduto,   non certamente per colui che doveva pilotare questo processo.
Tante cose sono state fatte da questa amministrazione, lascio delle deleghe con un bilancio straordinariamente attivo, ricche di risultati, con tanti progetti realizzati,  altri in atto ed altri ancora in partenza.
Affido alle forze politiche che tengono a curare il futuro di questa città, la vigilanza e la custodia di questo patrimonio di opere, servizi e risorse.
Rassicuro,  che non è necessario nessun intervento ulteriore se non il sostegno agli uffici,  al fine di metterli in condizioni di lavorare serenamente.
Aggiungo ancora, che ingerenze di chi fino ad oggi non ha saputo governare ciò che è stato di sua competenza, potrebbero  solo essere dannose.
Tante cose sono state fatte e meritano di essere continuate e sostenute.
Altre azioni, vanno cambiate o migliorate.
Un affettuoso pensiero a coloro che hanno raggiunto l’agognato risultato quale è un posto di lavoro sicuro.
I sorrisi felici e le lacrime di gioia mi ripagano ampiamente dell’impegno profuso.


4
Rimane ancora l’ultimo sforzo,  al fine di stabilizzare i precari della Polizia Municipale, che per i vincoli della Regione non è stato possibile farlo immediatamente.
L’impegno mio e del mio gruppo politico è tutto volto a completare questo lavoro, dando rassicurazioni su questo obbiettivo.
Ringrazio il Consiglio Comunale, che nella sua interezza mi ha garantito un canale preferenziale, che ha permesso l’approvazione di atti importanti come il Bilancio di previsione, il consuntivo (atti necessari per stabilizzare il personale precario) e anche delibere di urgenza che hanno permesso di far finanziare opere e servizi importanti per la città.

  
Giuseppe Mattia

lunedì 11 dicembre 2017

Comunicato stampa del sindaco Filippo Miroddi

Dopo quattro anni di mandato politico-amministrativo, sono certo che oggi debba ritenersi interrotto il rapporto di fiducia nei confronti del vice sindaco Giuseppe Mattia.
In realtà, da circa un anno egli stesso si è man mano defilato dalla scena politica, quasi a voler prendere le distanze anche da situazioni che, a mio avviso invece, l'avrebbero dovuto vedere interprete indiscusso.
Se Mattia, infatti, avesse deciso in maniera corretta e tangibile di defilarsi dall'attuale scenario politico nell'ambito dell'Amministrazione Comunale di Piazza Armerina, avrebbe dovuto rassegnare già da tempo nelle mie mani, le sue dimissioni.
Ed invece, così non è stato...!!!
E proprio per questo, ossia, per porre la parola "fine" al clima di veleni che ultimamente si percepisce, e non soltanto durante le sedute di giunta municipale, ritengo che si debba considerare conclusa tale fase politica iniziata nel 2013, revocando la nomina di Giuseppe Mattia dall'incarico di assessore vice sindaco.

Quanto alla sua sostituzione, ho ipotizzato il coinvolgimento del Dott. Pasqualino Bruno, Magistrato in pensione, con esperienza amministrativa (ex Sindaco del Comune di Catenanuova), che ha contribuito in passato, quando ricopriva la carica di Pretore, alla realizzazione di progetti di interesse comunale.
Il Dott. Bruno si è subito mostrato disponibile ed interessato a dare un valido contributo all'Amministrazione Comunale, riservandosi, tuttavia, di fornire un sollecito riscontro per sciogliere la riserva, soltanto in relazione alla brevità del periodo che intercorre con le nuove elezioni amministrative.

Piazza Armerina, 11.12.2017

Il sindaco
Dott. Filippo Miroddi

STANZIATI 120 MILA EURO PER LA RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA ANTONIO GRAMSCI



                                                               
Saranno avviati all’inizio della primavera prossima, i primi lavori per il progetto di ampliamento e riqualificazione di piazza Antonio Gramsci.                
A renderlo noto il vice sindaco e assessore ai lavori pubblici Silvestro Schillaci, che ha spiegato: “Dopo aver bandito il concorso di idee e realizzato il progetto esecutivo, in occasione delle ultime variazioni di bilancio abbiamo stanziato 120 mila euro, dalle risorse del 2017 dell’Ente, per l’avvio della prima fase dei lavori della piazza. Espletata la gara, a gennaio, contiamo già a inizio della primavera prossima di procedere con la nuova pavimentazione dell’area e di cominciare a dare forma a uno dei principali luoghi di ritrovo del popoloso quartiere della nostra città”.                                                                                                     Dopo l’abbattimento, nel 2015, dell’ex edificio scolastico“Borgo Vecchio”, sgomberato e chiuso dal 1998 per motivi di sicurezza e pubblica incolumità, a causa delle lesioni alle fondazioni e ai muri, l’amministrazione comunale, nell’agosto del 2016, aveva infatti bandito un concorso idee, rivolto agli ingegneri e agli architetti di Troina, per approntare il rifacimento della pavimentazione della piazza, la riqualificazione dell’area a verde sottostante, la sistemazione delle gradinate laterali e la valorizzazione dei luoghi circostanti come punto di incontro e aggregazione dei cittadini.                                                                               Vincitore della selezione, che ha premiato  la proposta più originale e condivisa che, oltre a  riqualificare l’area la renda al tempo stesso maggiormente fruibile, il giovane architetto troinese Germano Schillaci cui, oltre un premio di 1.500 euro, è stata affidata la progettazione e la direzione dei lavori.

sabato 9 dicembre 2017

AL VIA LA PRIMA EDIZIONE DI DO..RE..MI..FACCIAMO FESTA



l’Associazione Mela Verde Animation ha organizzato lo spettacolo DO, RE, Mi, Facciamo festa, uno spettacolo per le scuole dell’Infanzia e Primarie della Città.
Sono stati effettuati cinque spettacoli, quattro di mattina ed uno, giorno sette aperto a tutti, di pomeriggio.
Enorme è stata l’affluenza dei bambini calcolata al 98% dei bambini Piazzesi.
Uno spettacolo che  non solo ha coinvolto i piccoli, ma che per tutta la sua durata ha fatto tornare bambini  anche gli adulti che li accompagnavano.
Sul palcoscenico si sono alternati maghi, giocolieri e clown di alta scuola magistralmente diretti dalla regia di Paolo Mela e Beatrice Verde.
Per l’enorme successo ottenuto da questa 1^ edizione  già si pensa alla 2^ che, come è avvenuto quest’anno, segnerà l’apertura ufficiale delle feste natalizie.

                                                      


Totò Conti

martedì 5 dicembre 2017

LE CADITOIE VENGONO PULITE E MESSE IN SICUREZZA



Come già preannunciato un mese fa in un altro articolo e durante il Programma di Radio Mosaici L’Amministrazione in diretta, proseguono i lavori di pulitura e messa in sicurezza delle caditoie e dei tombini della Città.
Un lavoro programmato e sistematico che facendo defluire l’acqua piovana permette di prevenire allagamenti nei locali ubicati nelle parti basse ed a piano terra degli immobili cittadini.
Da anni, ci dice il Vice Sindaco Mattia, non veniva fatto un lavoro cosi mirato e meticoloso, certamente l’imprevisto è sempre dietro l’angolo ma un intervento cosi massiccio come quello che sta eseguendo questa Amministrazione scongiura eventuali pericoli che negli ultimi anni ci hanno messo in allerta in quanto le piogge si fanno sempre più improvvise e violente mettendo a dura prova il loro smaltimento.

Totò Conti

lunedì 4 dicembre 2017

EMMA MARINO” ALFIERE DEL LAVORO”




Come già preannunciato in un precedente articolo su questa stessa testata giornalistica, Emma Marino giovedì 30 Novembre è  stata insignita del titolo di “Alfiere del Lavoro” al Quirinale dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella assieme ad altri 25 giovani studenti.
"L'onorificenza è un orgoglio per la Sicilia e per l’IIS “ Majorana-Cascino” di Piazza Armerina,  ha dichiarato la Preside  Lidia Di Gangi, presente alla cerimonia di premiazione,  che ha segnalato la studentessa per i suoi meriti scolastici, mi congratulo con Emma, che dimostra come, la Sicilia e Piazza Armerina siano ricche di straordinarie intelligenze .
Mi auguro  che Essa  possa investire questo suo grande amore per la cultura in Sicilia,  una terra ricca di opportunità che dobbiamo risvegliare e salvaguardare, affinché i giovani come lei non si allontanino e si possano spendere in quest'isola contribuendo a farla crescere con il loro prezioso apporto di idee, di ricerca e di preparazione acquisite durante gli studi".
Emma Marino, a cui Radio Mosaici formula i suoi più sinceri auguri,  si è sempre distinta non solo per il suo amore per lo studio  ma anche per la sua affabilità nei rapporti umani , ora studia Ingegneria Aerospaziale al Politecnico di Torino.


                                 Totò Conti


APPROVATO IL REGOLAMENTO PER L’ACCESSO AL “MICROCREDITO SOCIALE”

Troina  Il consiglio comunale, nelle seduta svoltasi giovedì 30 novembre scorso al palazzo municipale, ha approvato all’unanimità il regolamento per il “Microcredito Sociale”, la normativa che disciplina la concessione, l'erogazione e la gestione di contributi straordinari, finalizzata a favorire l’accesso al credito ai soggetti “non bancabili” o a quanti si trovino in condizioni di particolare e momentanea vulnerabilità economica, ma che dimostrino di poter restituire il contributo.
Il finanziamento, a condizioni più favorevoli di quelle prevalenti sul mercato, avrà un importo compreso tra un minimo di 2 mila e un massimo di 5 mila euro, sarà rimborsato mediante il pagamento di rate mensili, trimestrali o semestrali, dell’importo variabile da 50 a 150 euro, mentre la durata massima dell’ammortamento sarà di 48 mesi, a decorrere dalla data di sottoscrizione del contratto.
Il progetto, che il Comune avvierà in collaborazione con l’Ente Nazionale per il Microcredito, la Banca di Credito Cooperativo “La Riscossa” di Regabulto e la società di consulenza “Sicilia Work Hub” di Troina, che si occupa di orientamento e assistenza, prevede infatti la concessione di un finanziamento, da elargire una tantum e in via straordinaria, per soddisfare bisogni caratterizzati da straordinarietà, essenzialità e sostenibilità. Il contributo, da non intendersi come forma di sussidio sociale per le fasce più deboli, sarà infatti elargito ai residenti nel Comune di Troina che si trovino in uno stato di temporanea disoccupazione o abbiano subito una riduzione delle ore lavorative indipendente dalla propria volontà, che siano state raggiunte da una condizione di non autosufficienza propria o di un componente del nucleo familiare o che abbiano subito una significativa contrazione del reddito o un aumento di spese non derogabili. Le somme, da destinare all’acquisto di beni o servizi necessari al soddisfacimento di beni primari, riguarderanno: spese per realizzare interventi volti a assicurare un alloggio dotato dei requisiti minimi di idoneità abitativa (canoni di locazione insoluti, messa a norma degli impianti e per la riqualificazione energetica, attivazione di utenze domestiche, ristrutturazioni inaspettate, spese per un nuovo immobile); spese straordinarie per eventi particolari della vita (nascite o adozioni di figli, ricongiungimenti familiari, decessi, tariffe per l’accesso ai servizi pubblici essenziali); spese mediche (trasporto, vitto e pernottamento del malato e dell’eventuale accompagnatore anche in strutture sanitarie al di fuori del territorio regionale); spese connesse all’istruzione e all’inserimento lavorativo (accesso all’istruzione scolastica, acquisto hardware e software, trasferimento, vitto ed alloggio per la frequenza di corsi, stage o tirocini lavorativi fuori dal comune di residenza).
Il Comune, per facilitare l’accesso al credito ai soggetti che devono fronteggiare eventi critici e imprevisti, costituirà, in fase di prima applicazione, un fondo di garanzia di 100 mila euro al quale, mediante convenzione con il Comune di Troina e l'Ente Nazionale Microcredito, potranno aderire anche gli Enti di natura commerciale, con almeno 10 dipendenti, per costituire un fondo di garanzia per il proprio personale.
Il microcredito verrà concesso valutando la situazione economica personale e familiare del richiedente, la capacità del beneficiario di integrarne la parte eventualmente rimanente e la dimostrazione di poter far fronte alle rate del finanziamento che sta sottoscrivendo.
Non potrà invece essere elargito a soggetti le cui entrate non consentano la normale gestione della quotidianità e che presentino una situazione economica già fortemente compromessa, con ingenti debiti e ricorso a sussidi economici di altra natura.
“Dopo l’avvio del Progetto Microcredito per le imprese, che ha permesso in un anno di finanziare 21 nuove attività imprenditoriali, 8 delle quali in fase istruttoria – spiega il sindaco Fabio Venezia - , abbiamo deciso di ampliare l’operazione, estendendola anche alle famiglie e alle fasce sociali che si trovano in momentanea difficoltà. Si tratta di un’iniziativa dalla finalità sociale, che dopo Benevento siamo il secondo Comune italiano a avviare, che ha anche il duplice obiettivo di essere un valido strumento di contrasto alla triste piaga dell’usura, con cui in passato la nostra comunità ha purtroppo dovuto fare i conti”.
Chi fosse interessato e per eventuali informazioni o chiarimenti, può rivolgersi all’Ufficio Microcredito, sito negli uffici del Comune di Troina di via Graziano n°1, contattabile anche telefonicamente allo 0935/937172, oppure tramite info@siciliaworkhub.it.
 
 
Doriana Graziano

venerdì 1 dicembre 2017

AL VIA IL REDDITO DI INCLUSIONE

Troina  A partire da domani, venerdì 1 dicembre, presso l’Ufficio Protocollo dell’Ente, sarà possibile presentare le istanze per accedere al Reddito di Inclusione (REI), la misura nazionale di contrasto alla povertà e all’inclusione sociale e lavorativa, rivolta ai nuclei familiari che versano in condizioni di precarietà economica, al cui interno vi siano minori, disabili, donne in stato di gravidanza e over 55 disoccupati.
A renderlo noto l’assessore alle politiche sociali Giuseppe Macrì, che ha spiegato: “Abbiamo ritenuto doveroso recepire la normativa nazionale vigente in materia di contrasto alla povertà, per offrire la massima attenzione e tutte le possibilità di sostegno economico concreto alle fasce più deboli della popolazione. Abbiamo già sperimentato con successo altre forme di aiuto, come il progetto obiettivo e il reddito di dignità per gli over 62 e, con quest’ulteriore misura, contiamo di raggiungere quante più famiglie possibile, in uno sforzo congiunto tra tutte le istituzioni che operano a vario titolo sul territorio locale e nazionale”.
Il provvedimento, che si articola in un beneficio economico e in un progetto personalizzato di attivazione e inclusione sociale, predisposto dai Servizi Sociali del Comune, è rivolto ai cittadini residenti in Italia da almeno due anni, a quelli comunitari, agli extracomunitari in possesso di permesso di lungo soggiorno e a quanti non percepiscano ulteriori prestazioni di assicurazione sociale per l’impiego o altri ammortizzatori sociali di sostegno al reddito, in caso di disoccupazione involontaria.
Il contributo, che sarà elargito dall’INPS previa verifica dei requisiti richiesti attraverso una carta di pagamento elettronica (Carta REI), avrà un importo variabile dai 187,50 ai 485,40 euro mensili, per la durata massima di 18 mesi.
Potranno infatti presentare istanza per accedere al beneficio, che a partire dal 2018 sostituirà il Sostegno per l’Inclusione Attiva (SIA), le famiglie che abbiano ISEE non superiore ai 6 mila euro, un ISRE non superiore ai 3 mila euro, un valore del patrimonio immobiliare, diverso dalla casa di abitazione, non superiore ai 20 mila euro e un valore del patrimonio mobiliare non superiore ai 10 mila euro, ridotto a 8 mila euro per due persone e a 6 mila per una sola. Il progetto, che sarà predisposto dai Servizi Sociali del Comune, in collaborazione con gli altri servizi territoriali e i privati che operano nel settore di contrasto alla povertà, sarà definito sulla base di una valutazione globale delle problematiche e delle esigenze delle famiglie e ne coinvolgerà tutti i componenti.
L’ Ufficio comunale di Segretariato Sociale sarà preposto all’istruttoria e alla prima verifica delle domande, il cui modulo è scaricabile dal sito istituzionale dell’Ente www.comune.troina.en.it.
Doriana Graziano

IL CONSIGLIO APPROVA LE VARIAZIONI AL BILANCIO DI PREVISIONE 2017/2019

Troina  Approvate ieri sera dalla maggioranza del consiglio comunale, nella seduta svoltasi al palazzo municipale, le variazioni al bilancio di previsione 2017/2019 dell’Ente.
“Si tratta dell’ ultima variazione all’esercizio finanziario del 2017 necessaria per adempiere allo svolgimento di interventi prioritari e urgenti e portare al termine alcuni punti previsti dal programma elettorale – ha spiegato il sindaco e assessore al bilancio Fabio Venezia  e di una manovra di programmazione pluriennale, per la realizzazione di importanti progetti per la nostra collettività, in attesa che venga approvato il bilancio dell’Ente del 2018”.
La manovra, che per il 2017 è stata operata a seguito delle entrate complessive di 510 mila 930 euro, derivanti rispettivamente dagli accertamenti ICI e IMU (229 mila 950 euro), dai trasferimenti dello Stato e della Regione (110 mila 280 euro) e dagli oneri di urbanizzazione e della sanatoria (170 mila 700 euro), prevede, in particolare, l’impiego di 67 mila 500 euro da destinare ai contributi per le feste religiose e le iniziative culturali, 50 mila euro per i contributi alle associazioni di volontariato e per l’assistenza economica delle famiglie in difficoltà, 51 mila 200 euro per i contributi per le assunzioni e i tirocini formativi, 81 mila 700 euro per espletare la gara d’appalto per i lavori di restauro del ponte Failla, l’illuminazione pubblica, la viabilità urbana e gli espropri nel quartiere Castile, 29 mila euro per i contributi alle ristrutturazioni edilizie, 40 mila euro per la manutenzione degli edifici comunali. Riguardo il 2018 invece, sulla previsione della quota di 290 mila euro, relativa ai trasferimenti per gli investimenti che ogni anno la Regione destina agli enti locali, 120 mila euro saranno impiegati per la riqualificazione di piazza Gramsci, 40 mila per la viabilità urbana, 50 mila per la manutenzione degli edifici comunali e 85 mila per i contributi alle ristrutturazioni edilizie. L’operazione più significativa, sarà invece quella relativa alla copertura per accedere al finanziamento a tasso zero al Credito Sportivo, dell’importo complessivo di 1 milione 500 mila euro, per la ristrutturazione e l’adeguamento dello stadio comunale “Silvio Proto”, in vista, nella prossima stagione, della probabile promozione in Lega Pro dell’ASD Troina Calcio, che attualmente milita in serie D.
L’ammortamento del prestito, per importo complessivo di 1 milione 550 mila euro, è stato calcolato sulla scorta degli accertamenti IMU da parte dell’Enimed, con cui il Comune ha attualmente in corso un contenzioso relativo alle piattaforme di estrazione del metano, che dovrebbero pervenire nelle casse dell’Ente entro il prossimo anno.

Doriana Graziano

SI DIMETTE IL CONSIGLIERE DELL’OPPOSIZIONE ROSSELLA SIDOTTI


Troina Il consigliere del gruppo di minoranza dell’opposizione “Insieme per Troina”, Rossella Sidotti, ha rassegnato ufficialmente ieri sera, nel corso della seduta del consiglio comunale, le proprie dimissioni dalla carica istituzionale.
“Per ragioni di natura strettamente personale e non politica che mi hanno portato a trasferirmi fuori per lavoro – ha spiegato l’ex consigliere Rossella Sidotti in una missiva inviata al presidente del consiglio Alfio Giachino e letta al consesso civico - , non riesco a svolgere il ruolo di consigliere dell’opposizione in modo consono e adeguato. Sono orgogliosa e onorata di aver ricoperto questa carica per la città in cui sono nata e cresciuta. Certa che chi mi sostituirà sarà all’altezza del ruolo, auguro a tutto il consesso civico un proficuo lavoro”. Il consigliere Sidotti, si era insediato in consiglio comunale nell’aprile del 2015, subentrando alla dimissionaria Silvia Brucchieri, in quanto prima tra i non eletti tra le fila dell’opposizione del gruppo consiliare “Insieme per Troina”.
Nel corso del prossimo consiglio comunale il presidente Alfio Giachino, come da regolamento, procederà per surroga alla ricostituzione del plenum del consesso civico.
 
Doriana Graziano
 

giovedì 30 novembre 2017

Il PREMIO ALFIERI DEL LAVORO ALLA STUDENTESSA PIAZZESE EMMA MARINO



Oggi a Roma in occasione della consegna delle onorificenze ai nuovi cavalieri del lavoro verrà premiata dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella la studentessa del Liceo Scientifico Majorana Emma Marino, alla premiazione è stata invitata anche   la Preside dell’Istituto Dr.ssa Lidia Di Gangi, che ha accolto con soddisfazione ed orgoglio questa notizia, che non solo attesta l’alto livello di studio raggiunto dalla studentessa,   ma  che premia anche il lavoro scrupoloso svolto dai docenti della scuola che negli ultimi anni, annovera tra gli Alfieri del Lavoro altri tre studenti, Stella Gangi, Manuel Mazzucchelli e Roberta Speciale  divenuti ottimi professionisti ed eccellenti studenti universitari, questa premiazione accresce i prestigiosi riconoscimenti ottenuti dall’Istituto di Istruzione Superiore Majorana. 
Il Premio “Alfieri del Lavoro” consiste nella medaglia del Presidente della Repubblica ed è destinato ai 25 migliori studenti che abbiano terminato la scuola secondaria superiore con il massimo dei voti . 
Questo premio è stato istituito nel 1961 dalla Federazione, in occasione delle celebrazioni per il Centenario dell’Unità d’Italia. Da allora sono stati premiati più di 1.300 Alfieri del Lavoro.
La selezione tiene conto del voto ottenuto all’esame di Stato e dei risultati scolastici dei primi quattro anni delle scuole superiori. Le segnalazioni dei candidati vengono inviate dai Dirigenti scolastici, che indicano il migliore studente della loro scuola.
Ecco la motivazione con la quale alla studentessa Emma Marino sarà insignita l’onorificenza del lavoro e riceverà l’attestato d’onore e la medaglia della Presidenza della repubblica:Studentessa modello, esempio di straordinario impegno ed amore per lo studio quale occasione di scoperta e crescita umana oltre che culturale, si è distinta nell’interno del quinquennio per una particolare curiositas che ha saputo trasferire in ogni campo del sapere e, in particolare, nelle discipline scientifiche, per le quali ha mostrato maggiore inclinazione. 
Propositiva nell’interazione con docenti e compagni, con caparbietà e chiarezza di intenti, ha conseguito risultati eccellenti in ogni ambito disciplinare”.
                                                 Totò Conti


martedì 28 novembre 2017

AL VIA I LAVORI AL CAMPETTO POLIVALENTE TRINITA’



Come già preannunciato sabato durante la trasmissione di Radio Mosaici l’Amministrazione in Diretta dal Vice Sindaco Giuseppe Mattia, a giorni inizieranno i lavori nel campetto polivalente della Trinità.
I lavori prevedono il recupero del cortile interno con la realizzazione di un campo polivalente (Pallacanestro, Pallavolo e Calcetto) di dimensioni non regolamentari ad uso scolastico e quindi non agonistico, munito di spogliatoi e bagni per uomini, donne ed anche per portatori di Handicap, una copertura in Tensostruttura(Copertura in tela)  che favorirà le attività sportive anche nelle giornate di brutto tempo.
Per facilitarne la fruizione, la struttura sportiva  avrà due entrate una dalla scuola Trinità ed una dalla Via Brunaccini in modo da garantirne l’ingresso in essa alle Associazioni Sportive anche nelle ore extrascolastiche
Ad eseguire i lavori sarà una ditta locale, la ditta Rizzo, quindi ancora una boccata di ossigeno per l’economia locale.
Mattia dichiara: “ Con grande orgoglio   posso affermare  che non è da poco il fatto  che  un quartiere storico e di antiche tradizione come il Monte che gradualmente si va depauperando e svuotando di interessi,   ignorato  dalle istituzioni e dalle precedenti Amministrazioni, abbia questo opera che incentiverà le attività sociali e sportiv
   

Totò Conti

mercoledì 22 novembre 2017

“IL FUTURO NON SI BRUCIA”




Si è svolta ieri con il motto “ Il Futuro non si brucia “la festa dell’Albero che Legambiente patrocina da oltre venti anni.
Festa dell’albero che si propone di promuovere in tutti,  giovani ed anziani l’educazione ambientale, l’importanza del verde per contrastare le emissioni di anidride carbonica, l’inquinamento dell’aria e la prevenzione del rischio idrogeologico.
Quest’anno in particolare si è mirato alla tutela degli alberi in contrasto agli incendi boschivi, fenomeno che purtroppo si verifica ogni estate e che quest’anno, non solo ha causato gravissimi danni a Piazza Armerina e dintorni, ma che in tutta Italia ha distrutto 14 mila ettari di bosco che solo in sessanta anni potrà essere recuperato.
La legge 113, recepita  con  la legge 10 del 2013, ha imposto  a tutti i comuni con una popolazione superiore a quindicimila abitanti la piantumazione di un albero per ogni bambino nato o adottato, a Piazza armerina nel 2017 sono nati 150 bambini, pertanto ognuno di essi ha diritto ad un albero.
Infatti ieri alla presenza dei loro insegnanti e del Sindaco Miroddi i bambini dell’Istituto Comprensivo “ Falcone – Cascino” hanno celebrato “ Gli alberi ed il loro indispensabile contributo alla vita”  piantando una siepe a dimora donata dal Comune e costituita da ottanta piantine  e tre alberi di mandarino donati da Legambiente, alberi e piantine che  materialmente sono strati interrati da 83 alunni della scuola.
Il Sindaco Filippo Miroddi ha precisato che il Comune di Piazza Armerina è perfettamente in linea con quanto previsto dalla L. 113, nel 2017 a Piazza Armerina sono nati 150 bambini e l’Amministrazione Comunale ha provveduto a piantare in vari punti della Città, anche a dispetto degli immancabili vandali, ben 150 alberi.
Questa iniziativa si inserisce nel progetto “Respirare con il Cuore” che impegnerà fino a Dicembre i bambini del plesso Sciascia ed alcune classi del plesso Falcone.
Alla cerimonia erano presenti anche il Geometra Teodoro Ribilotta  dell’Ufficio Tecnico e l’Assessore Carmelo Gagliano.
Il prossimo appuntamento è fissato al il due dicembre per la piantumazione di alberi nel giardino sito in Piazza B. Giuliano.

                                               
Totò Conti







martedì 21 novembre 2017

Il futuro delle nanoarchitetture

Un recente studio effettuato da ricercatori dell’Ifn-Cnr in collaborazione con le università di Marsiglia e Dresda ha rivelato come la formazione di goccioline sulla superficie di alcuni materiali a seguito di un riscaldamento possa essere utilizzata per sviluppare tecniche litografiche su larga scala a basso costo. 
La ricerca, che apre nuove prospettive nel campo della nanoelettonica, è pubblicata su Science Advances

“L’opportunità di creare delle particelle di silicio di piccola taglia con controllo di forma e densità attraverso un processo semplice apre la possibilità di implementare meta-superfici dielettriche, cioè superfici che possono essere sedi di campi elettromagnetici, in maniera semplice, economica e su larga scala”.  A parlare è Monica Bollani, ricercatrice presso l’Istituto di fotonica e nanotecnologie del Consiglio nazionale delle ricerche (Ifn-Cnr) di Milano, che insieme al suo gruppo di ricerca ha scoperto, con uno studio pubblicato sulla rivista Science Advances, come manipolare la riflettività del silicio semplicemente variandone la temperatura.
“Molti materiali che compongono dispositivi elettronici sono strutturalmente composti da sottili strati posti l’uno sopra l’altro a formare un insieme che a occhio nudo appare omogeneo. Quando vengono scaldati, questi materiali hanno la tendenza a rompersi in piccole goccioline, di dimensione variabile e posizione casuale”, prosegue Bollani. “Fino ad ora questo effetto era stato considerato negativo per la costruzione di dispositivi elettronici e i contatti elettrici al loro interno, ma il nostro studio è partito da questo 'difetto' per arrivare a una nuova scoperta”. 
I ricercatori hanno utilizzato ossido di silicio che, scaldato in ultra-vuoto a temperature intorno ai settecento gradi centigradi, permette di osservare il fenomeno descritto. La novità consiste nel preciso controllo della forma che le goccioline di silicio prenderanno. “Dopo la loro apparizione sulla superficie, le goccioline si incanalano in micro scanalature precedentemente incise sul campione, guidando la formazione di nano-architetture estremamente complesse con un meccanismo molto semplice”, aggiunge la ricercatrice dell’Ifn-Cnr. “Così manipolate consentiranno di cambiare le proprietà del materiale sul quale si formano, ad esempio modificando il modo in cui la luce incide sul campione, rendendolo anti-riflettente o perfettamente riflettente a seconda delle condizioni. Ad esempio, potremmo scegliere un design litografico specifico per ottenere un’architettura complessa da impiegare per la costruzione di nano-circuiti elettronici o per regolare la porosità di un materiale”. 
I complessi disegni ottenuti sono stati anche utilizzati come calco e trasferiti in altri materiali non altrettanto versatili. “L’importanza di questi risultati risiede nella grande precisione, estensione e riproducibilità deterministica con la quale le nano-strutture sono create”, conclude Monica Bollani. “Queste tecniche litografiche potranno essere utilizzate su larga scala, ad esempio, nella micro-elettronica o nella fotonica, con il vantaggio di poter essere prodotte a basso costo”.
Immagine: immagine al microscopio ottico Dark –field (100X) di motivi complessi ottenuti attraverso la tecnica di dewetting. Ogni motivo si estende per circa 5 micron.